Breadcrumb

Ripresa attività sanitarie e modalità di accesso alle strutture

ACCESSO DI PAZIENTI, ACCOMPAGNATORI E VISITATORI

Accesso alle strutture sanitarie/ospedaliere da parte di familiari e congiunti

  • È previsto un solo visitatore per volta per singolo paziente che dovrà indossare la mascherina chirurgica per tutto il tempo della permanenza e potrà entrare solo in caso di temperatura inferiore a 37,5°.

Agli accompagnatori dei pazienti in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell¿articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, è sempre consentito prestare assistenza, anche nel reparto di degenza, nel rispetto delle indicazioni del personale sanitario della struttura.
 

Accesso ai Pronto Soccorso

È vietato agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (DEA/PS), salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario.

La permanenza nelle sale d¿attesa è consentita solo agli accompagnatori dei pazienti non affetti da COVID-19, esclusivamente se muniti delle certificazioni verdi COVID- 19, salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario.
 

Accesso e visita alle strutture residenziali sociosanitarie e socioassistenziali da parte di familiari e congiunti

  • L'ingresso è consentito ad un numero massimo di due familiari/congiunti contemporaneamente.
  • L'accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione
  • In fase di ingresso nella struttura verrà somministrato un questionario e sarà rilevata la temperatura corporea.
  • Compatibilmente con le condizioni cliniche del paziente, le visite avranno luogo privilegiando gli spazi esterni alla struttura. L'accesso di familiari/congiunti all'interno dei nuclei di degenza è possibile solo per le visite agli ospiti che presentano condizioni di grave disabilità e non autosufficienza tali da impedire la possibilità di utilizzare spazi esterni.
  • Negli hospice sono sempre consentite le visite, adottando le necessarie misure di contenimento del rischio di COVID-19, come di altre malattie infettive diffusive.


Visite o rientri in famiglia di persone ospitate in strutture residenziali sociosanitarie e socioassistenziali

  • Le visite possono essere effettuate anche mediante il rientro in famiglia dell'ospite, sulla base delle indicazioni del progetto individuale di assistenza, se si tratta di paziente ospitato in struttura sociosanitaria. Questa possibilità è estesa anche agli ospiti di strutture socioassistenziali.
  • I rientri dovranno essere concordati e pianificati con la struttura, nel rispetto delle principali misure di prevenzione, secondo le previsioni del piano individuale di assistenza.

Alle persone ospitate presso strutture di ospitalità e lungodegenza, residenze sanitarie assistite, hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e no, strutture residenziali socioassistenziali e altre strutture residenziali sono consentite uscite temporanee, purché tali persone siano munite delle certificazioni verdi COVID- 19.
 

Accesso alle strutture ambulatoriali

Per evitare eccessivo affollamento, la presenza di un accompagnatore è ammessa solo per i minori, per le persone non autosufficienti o quando è necessaria la presenza di un mediatore linguistico-culturale.

Nella struttura sanitaria è importante seguire queste raccomandazioni